News

Gli "Aquarama", band tropical pop in roster

"The Gentlemens" nuovo tour europeo a Novembre






The Gentlemens Live

25/12/2017 Osimo (AN) kokogena Ultima data del tour HoBo-Fi + Il Mio dj Setter

Segui

Ascolta

The Gentlemens

I The Gentlemens nome ironico dei tre,cresciuti a pane e rock'n'roll amano suonare e sfogare rabbie represse della sempre troppo stretta vita quotidiana narrando avventure selvagge amori impossibili ed il duro rapporto con le imposizione del sistema. Il sound è scarno ed essenziale(due chitarre e batteria ai quali i tre si alternano),pulsante e martellante ed i suoni malati che tanto amano condiscono il tutto.
nel 2013 esce l'autoprodotto "Less Said,the Better"12 tracce che li hanno fatti conoscere alla critica ed al pubblico di tutta italia. Poi arriva il 2016 ed i tre si chiudono in studio a Livorno con il supporto fondamentale di Niccolo Mazzantini e Fabio Fantozzi(rispettivamente bassista compositore e fonico degli APPALOOSA)registrano e producono "Hobo FI" la nostrana label Area Pirata Records se ne accorge e li mette in rooster….
Hobo FI esprime la raccolta del percorso della band negli ultimi due anni. Un percorso pieno di incontri, di persone, musica, luoghi e coincidenze. 
Tutte queste avventure sono permeate nel suond della band, come le memorie di un duro hobo. 
Ed il sound è ben chiaro e distinguibile caratteristico ed unico
Ci sono hobo che cavalcano treni. Altri cavalcano strade.
L'hobo fi cavalca il rock'n'roll da un treno blues a tutte le solitarie vie punk. 
Franco"LYS"Dimauro dice questo di Hobo FI

In tre, da Ancona. Per stanare il blues. 
Come i Dottori Venkman, Stantz e Spengler su Ghostbusters.

Massacrandolo a badilate, fino a farne poltiglia. Bitume da stendere su una interminabile strada che permetta al nostro stivale di avanzare fino a Memphis, Chicago, New York. 
Le tredici canzoni del nuovo disco dei galantuomini marchigiani sono un bellissimo cumulo di pattume blues/punk che odora di scarti di conceria e di concime biologico. Roba che, nonostante l'esigua strumentazione esibita (fondamentalmente due chitarre e una batteria che le tiene in vita, a tratti un'armonica e qualche piccolo intervento d'organo), ha una corposità che va oltre l'abituale, approssimativo ed indistinto baccano di ferraglia di molte produzioni siderurgiche affini e che, seppur sfregiata, conserva ancora i tratti appuntiti di Hasil Adkins e il ghigno beffardo di Gene Vincent. 

Un baccanale dove si suona la nostra musica preferita e il Diavolo si esibisce al rodeo. Senza cadere. 

Tony Face invece ne pensa questo
- I Gentlemens suonano il rock n roll più sincero e genuino che ci sia in circolazione. Certo, non sono i soli, non sono i primi, non saranno (speriamo!) gli ultimi ma la freschezza e l'urgenza del loro sound è quello che ci vuole in questi tempi plastificati e omogeneizzati. 
Brani spinti, riff ossessivi che formano una strana creatura fatta di Stooges, degli Stones più selvaggi, Dead Boys, Dictators, Radio Birdman. Suoni grezzi, minimali, diretti, sporchi come deve essere il rock n roll primitivo, senza compromessi e occhiate a qualsivoglia ipotesi di successo o classifica. 
Così è se vi pare !